News - Energie rinnovabili 14-04-2011

EcoEnergia Italia, boom del verde ma il futuro è a rischio

L' Italia lontana dai riflettori è alle volte migliore della sua immagine pubblica. Il mondo ammira il modello tedesco, per la sistematica moltiplicazione delle fonti di energia pulita che ha creato 350 mila posti di lavoro, e guarda con perplessità al nostro procedere a strappi, senza regia, con tanti ripensamenti. Eppure, alla fine, i campioni italiani tengono testa ai tedeschi: Lecce fornisce più elettricità verde di Friburgo, mito dell' ecologia nordica; Prato allo Stelvio nel 2010 ha vinto il campionato europeo delle rinnovabili; 20 Comuni sono al 100 per cento rinnovabili, cioè producono in modo sostenibile sia l' elettricità che il calore necessari a tutte le case; 964 Comuni (più di 1 su 8) generano più elettricità da fonte rinnovabile di quanta ne consumano. È lo scenario a s o r p r e s a c h e emerge dal rapporto «Comuni r i n n o v a b i l i 2011», realizzato da Legambiente con il contributo del Gse e di Sorgenia. Nel 2010 più di una lampadina su 5 si è accesa grazie al sole, al vento, all' acqua. Il 22 per cento dei consumi elettrici viene alimentato da una fonte rinnovabile attraverso una rete di impianti diffusi sul territorio che ha già raggiunto dimensioni consistenti. «Se si sta alle polemiche che dominano la comunicazione, in Italia esistono solo grandi impianti che creano problemi», osserva Edoardo Zanchini, responsabile energia di Legambiente. «La realtà è molto diversa. È fatta di 200 mila impianti distribuiti nel territorio in modo uniforme, da Nord a Sud. L' energia green è presente nel 94 per cento dei Comuni e continua ad aumentare il numero delle famiglie che sceglie di produrre in modo pulito l' elettricità che consuma. Ma per andare avanti bisogna smettere di fare la guerra alle rinnovabili: senza un piano di incentivi credibile l' Italia non riuscirà a reggere la competizione dei paesi meglio organizzati». Per il momento, sorretto dallo slancio degli ultimi anni, il sistema tiene. I Comuni del solare sono 7.273. Quelli dell' eolico sono 374 e nel 2010 hanno dato elettricità pulitaa tre milionie mezzo di famiglie. Quelli del mini idroelettrico sono 946 (producono elettricità per 1,6 milioni di famiglie). Quelli della geotermia sono 290 (elettricità per 2 milioni di famiglie). Quelli della biomassa 1.033 (elettricità per3 milioni di famiglie, molto teleriscaldamento). E i due campioni 2010 hanno prestazioni formidabili: Morgex (Aosta), ha messo assieme un impiantoa biomasse, una rete di teleriscaldamento di 10 chilometri, idroelettrico e fotovoltaico, e a Brunico (Bolzano) sono stati installati 840 metri quadrati di solare termico, 3.100 chilowatt di fotovoltaico, 4.400 chilowatt di mini idroelettrico, un impianto a biomassa e uno a biogas allacciati a una rete di teleriscaldamento di 120 chilometri. Ma, in assenza di una guida governativa e con un decreto legislativo che a inizio marzo ha stracciato la road map per le rinnovabili appena firmata cancellando retroattivamente gli impegni, l' Italia rischia di perdere il prossimo campionato. Quello decisivo. -
ANTONIO CIANCIULLO

 
 

100% rinnovabili ora! - Francesca Sartogo
 
 
banner eurosolar

spazio banner
NEWS dal Web
Repubblica.it » ambiente

Il risultato di una ricerca australiana: le acque piovane e reflue potenziali canali per la diffusione della resistenza


Il blocco di ghiaccio di 315 miliardi di tonnellate, grande oltre 1.600 km², si è staccato dall'Amery. La glaciologa rassicura: "Fenomeno normale, non dovuto ai cambiamenti climatici. E' lo stato dell'Antartide a preoccupare"


NEWS dal Web
Legambiente.it


EUROSOLAR BulgariaEUROSOLAR Česká republikaEUROSOLAR DanmarkEUROSOLAR EspanaEUROSOLAR FranceEUROSOLAR LuxembourgEUROSOLAR ÖsterreichEUROSOLAR TürkiyeEUROSOLAR UKaltre sezioni EUROSOLAR...

Display Pagerank      © Eurosolar Italia 2008 - 2012 | webmaster: EOF