rassegna stampa - Energie rinnovabili 03-04-2012

Pressing ambientalista sul governo Non fermate l'energia pulita

ROMA - E' scattato il pressing degli ambientalisti e della sinistra per difendere la linea europea sull' energia, messa in discussione dal partito pro combustibili fossili. La sterzata del ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, che ha parlato di una maxi obbligazione da 150 miliardi di euro per le fonti rinnovabili, ha fatto scattare una sollevazione. Anche perché si moltiplicano le voci sui due decreti in arrivo (uno per il fotovoltaico, uno per le altre rinnovabili): i tagli sugli incentivi all' energia pulita sarebbero tanto drastici da far saltare buona parte di questo settore produttivo. Così, prima sono arrivate le precisazioni del ministro dell' Ambiente Corrado Clini, che ha riequilibrato il quadro citando i benefici prodotti dalle rinnovabili in termini di entrate fiscali e Pil. Poi è stato dato l' annuncio di una mobilitazione a oltranza. Si comincia oggi con il sit in organizzato davanti a Montecitorio dalle associazioni di categoria, Ises e Verdi («Passera non dice la verità sulle bollette: non parla degli incentivi che vanno ai petrolieri e alle industrie che consumano più energie, come le acciaierie», accusa Angelo Bonelli, leader del Sole che ride). E si andrà avanti il 18 aprile con la manifestazione di lancio di una piattaforma web - promossa dal Cetri, il Circolo europeo per la terza rivoluzione industriale, e da Sos Rinnovabili - per il passaggio a un sistema energetico avanzato, basato sulla generazione diffusa e sulle smart grid. «Se le bollette salgonoè perché il prezzo del petrolioè fuori controllo: pensare di curare la malattia aumentando la causa del problema è un non senso», spiega Angelo Consoli, presidente del Cetri. «Le rinnovabili aiutano perché abbassano il prezzo di picco dell' energia e paradossalmente è proprio questo successo che ha allarmato alcune grandi aziende: si sono ridotti i guadagni prodotti dalle centrali più inquinanti, quelle alimentate con i combustibili fossili. Ora si deve proseguire con l' innovazione». «Bisogna fare il bis del 55 per cento, gli sgravi fiscali per chi ristruttura la casa abbattendo gli sprechi energetici: incentivi a saldo positivo», propone Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace. «In questo caso una quota dei benefici ottenuti dall' aumento del gettito fiscale prodotto dalle rinnovabili può servire a calmierare le bollette elettriche. Se invece le fonti pulite verranno fermate, i costi complessivi si aggraveranno. Il carbone ad esempio produce grandi profitti aziendali ma scarica gli svantaggi sulla collettività: secondo i calcoli dell' Agenzia europea per l' ambiente, in Italia produce danni ambientali e sanitari per oltre 2 miliardi di euro l' anno». Anche la sinistra è scesa in campo. Per il leader dell' Idv Antonio Di Pietro: «Passera vuole tagliare i fondi alle rinnovabili che sono il futuro, che hanno generato 100mila posti di lavoro». E Stella Bianchi, responsabile ambiente del Pd, aggiunge: «Come dice Clini, per far scendere il costo dell' energia bisogna creare concorrenza nel settore del gas, migliorare la rete di distribuzione, togliere oneri impropri a cominciare dal Cip 6 e dai fondi per lo smantellamento delle centrali nucleari».

 
 

Smart Cities (Roma 5 giugno 2012)
SINTESI CONCLUSIVA di Federico Butera
 
 
banner eurosolar

spazio banner
NEWS dal Web
Repubblica.it » ambiente

Il progetto Tx2 promosso dal Wwf si propone di raddoppiare il loro numero entro il 2022. La minaccia più grande viene dal bracconaggio, ma a contribuire c'è...


Un team di ricercatori americani è riuscito monitorare quello che avviene nei complessi proteici vegetali durante la trasformazione di energia solare in energia...


NEWS dal Web
Legambiente.it

“Le demolizioni sono l’unico deterrente al nuovo cemento illegale”

 

“La ripresa delle demolizione degli abusi edilizi nell’Oasi del Simeto è un segnale importante che va nella direzione opposta rispetto a quella intrapresa dai comuni  siciliani che da tempo cercano una via d’uscita che salvi le case illegali dalle ruspe”.

Così commentano Vittorio Cogliati Dezza e Mimmo Fontana, rispettivamente presidente nazionale e regionale di Legambiente, l’attività  di ripristino della legalità avviata oggi dal Comune e dalla Procura della Repubblica di Catania.

Posizione in evidenza: 
Informati

leggi tutto



EUROSOLAR BulgariaEUROSOLAR Česká republikaEUROSOLAR DanmarkEUROSOLAR EspanaEUROSOLAR FranceEUROSOLAR LuxembourgEUROSOLAR ÖsterreichEUROSOLAR TürkiyeEUROSOLAR UKaltre sezioni EUROSOLAR...

Display Pagerank      © Eurosolar Italia 2008 - 2012 | webmaster: EOF